Post più popolari

martedì 16 settembre 2014

Sete...sete...sete...



dal " Piccolo Principe"

Il pozzo che avevamo raggiunto non assomigliava ai pozzi sahariani.

, dissi al piccolo Principe, < e' tutto pronto: lacarrucola, il secchio e la corda...>.

Rise, tocco la corda, fece funzionare la carrucola. E la carrucola gemette, come geme una vecchia banderuola dopo che il vento ha dormito a lungo.

"Senti", disse il piccolo principe, " e' tutto pronto: la carrucola, il secchio e la corda....".

Rise, tocco' la corda, fece funzionare la carrucola. E la carrucola gemette come geme una vecchia banderuola dopo che il vento ha dormito a lungo.

" Senti ",disse il piccolo principe, " noi svegiamo questo pozzo e lui canta..."

Non volevo che facesse uno sforzo.

"Lasciami fare", gli dissi " e'"  troppo pesante per te ".

Lentamente issai il secchio fino all'orlo del pozzo. Lo misi bene in equilibrio,

Nelle mie orecchie perdurava il canto della carrucola e nell'acqua che tremava ancora, vedevo tremare il sole.

" Ho sete di questa acqua " disse il piccolo principe, " dammi da bere..."

E capii quello che aveva cercato!  Solllevai il secchio fino alle sue labbra. Bevette con gli occhi chiusi. Era dolce come una festa.

Quest'acqua era ben altra cosa che un alimento.

Era nata dalla marcia sotto le stelle, dal canto della carrucola,
dallo sforzo delle mie braccia. Faceva bene al cuore, come un dono.

                                                                              

                                            ======OO======                          

 

Giunse pertanto ad una citta' della " Sanmaria " chiamata Sicar,
vicino al terreno che Giacobbe aveva dato a Giuseppe suo figlio:
qui c'era il pozzo di Giacobbe.

Gesu' stanco del viaggio, sedeva presso il pozzo. Era verso mezzogiorno.

Arrivo' intanto una donna di " Samaria " ad attingere acqua.

Le disse Gesu': ! Dammi da bere". Ma la Samaritana gli disse:
" Come mai tu che sei Giudeo, chiedi da bere a me,
che sono una donna samaritana?".
Gesu' le rispose: " Se tu conoscessi il dono di Dio e chi e' Colui che ti dice:
" Dammi da bere ", tu stessa gliene avresti chiesto
ed egli ti avrebbe dato acqua viva ".
 

Gli disse la donna : " Signore, tu non hai un mezzo
per attingere e il pozzo..

e' profondo; da dove dunque hai quest'acqua viva?".

Rispose Gesu': "Chiunque beve di quest'acqua avra di nuovo sete;
ma chi beve dell'acqua che io gli daro', non avra' mai piu' sete,
anzi, l'acqua che io gli daro' diventera' in lui,
sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna ".

" Signore, gli disse la donna, dammi di quest'acqua, perche' non abbia piu' sete ".


Tempo di estate, si soffre il caldo, anche la solitudine..
ci sono due fonti nel deserto della sete.....
Ci dissetiamo con molte bevande, in estate, tempo anche di vacanze e riposo.
Facciamo un po' di silenzio, ascoltiamo il desiderio, dell'altra acqua?
Acqa viva che ci dona Gesu', del Suo richiamo, nel profondo nel nostro cuore.
Vogliamo far crescere questo desiderio?
Desiderio di acqua viva che in noi, diverra' sorgente che zampilla,per l'eterna vita!